Affettatrice – Guida acquisti

Per decidere quale sia il modello di affettatrice più adatto a te questo è bene sapere prima di tutto quale utilizzo farai della affettatrice e poi scegliere in base alle sue caratteristiche. Ci sono in commercio modelli che possono restare accesi solo pochi minuti e poi vanno lasciati riposare per non surriscaldarsi, potrebbero anche fare al caso tuo, ma quanto devi affettare?
In generale vale la regola che maggiore potenza abbia il motore, migliori saranno le prestazioni di taglio anche con carne cruda o particolarmente grassa e sfilacciata, o in generale con alimenti piuttosto fibrosi.
Il motore quindi deve avere almeno una potenza di 130 W e preferibilmente funzionare grazie alla cinghia di distribuzione per essere veramente robusto e resistere anche a un utilizzo intensivo. Oltre queste c’è l’affettatrice a gravità e quella verticale. Insomma, ha perso le qualità che aveva in origine, appena il salumiere l’ha tagliato.

Infine ci sono i modelli professionali che hanno costi molto elevati, ma sono consigliati per le attività commerciali che devono affettare una grossa quantità di prodotti. Ci sono poi diverse tipologie di affettatrici, quelle elettriche e quelle manuali più tradizionali.

D’inverno, ovviamente è tutto un altro discorso. In frigorifero gli affettati si conservano meglio. Miglior affettatrice diventa utile in ogni caso. Permette infatti di risparmiare economicamente, acquistando diversi tranci di affettati che voi abitualmente consumate.

L’estetica e le caratteristiche più pratiche, infine, decretano quali modelli siano i più venduti di sempre anche a prescindere dalle offerte del momento. Se decidete comunque di comprare un trancio di salume da affettare manualmente con il classico coltello da cucina, scordatevi di ottenere un risultato preciso e accurato che invece otterreste con una buona affettatrice.

Alcuni modelli offrono la possibilità di cambiare la lama in base al tipo di alimento da tagliare, incorporando la versione seghettata e ondulata per meglio aggredire la crosta dura e croccante del pane, per affettare in pochi secondi le forme tonde ideali per fare bruschette ma meno facili da tagliare a mano libera. Quale sia l’affettatrice più adatta alle tue esigenze sei tu a stabilirlo, preferisci tagliare a mano o aiutato da un motore elettrico? Dovrai affettare per ore o soltanto per dieci minuti? Poniti alcune domande e in base alle risposte ti sarà più chiaro quale sia il modello da acquistare.
A una maggiore potenza corrisponde anche la capacità di lavorare senza interruzioni o particolari difficoltà affettando alimenti come i formaggi, o addirittura la mozzarella che lascia una patina compatta sulla lama già dopo pochi istanti di utilizzo. Al contrario, è necessario che la macchina possa dosare la forza imprimendo una spinta minore per tagliare alimenti meno resistenti come le verdure, melanzane o peperoni, senza rischiare di ferirsi senza accorgersi.

Similar Posts
Recensione – un idropulsore
Le marche che producono gli idropulsori non sono molte: di certo, come sempre nel mondo spazzolino elettrico, Oral B ha...
Asse da stiro – caratteristiche
Magari è troppo basso e bisogna stare piegati per diverse ore, con conseguenze alla schiena irreparabili, altri acquistano quelle da...
Migliori idropulitrice
È chiaro che se vuoi igienizzare prima pulire il pavimento, con scopa o aspirapolvere che sia, per poi passare l’idropulitrice....